28.5.06

Quàttr pass e na bela mangioda a Cremolino

Abito non lontano da qui ma come, spesso succede, non avevo mai partecipato a questa manifestazione che quest'anno è giunta alla 7a edizione.
"Quattro passi e una bella mangiata" è una cammminata non competitiva enogastronomica che si svolge a fine Maggio/inizio Giugno nel territorio di Cremolino, piccolo e caratteristico borgo arroccato su un colle e dominato dal possente castello Malaspina del XI-XIII (è visitabile a Luglio nel corso della manifestazione Castelli Aperti), si cammina fra vigneti e sentieri attraverso il bosco o i campi e lungo il percorso vi sono alcune aree di soste in prossimità di cascinali e poderi, in alcune vengono servite delle portate e bevande (sia vino di produzione locale che acqua o bibite), in altre viene offerto solo da bere e qualche stuzzichino.
Due settimane fà avevo visto delle locandine e Lunedi scorso mi ero decisa a telefonare per prenotare, fin da subito mi è sembrata una manifestazione ben organizzata: mi è stato chiesto a che ora avremmo voluto iniziare il percorso (per dare modo agli organizzatori di non concentrare l'arrivo dei partecipanti tutti insieme alle varie aeree di sosta), mi è stato spiegato in breve come si svolge la manifestazione e mi è stato detto che alla partenza ci avrebbero fornito di un bicchiere da appendere al collo (pratico!).
Siamo partiti dal piazzale antistante il Municipio dove presso un piccolo stand si effettua il pagamento dell'iscrizione e a ogni partecipante viene consegnato un bicchiere e una specie di "pass" da presentare e far vidimare a ogni sosta in cui vengono servite le portate previste nel menù . Il bicchiere da appendere al collo si è dimostrato molto pratico, insieme al fatto che, a ogni area di sosta in cui si mangiava erano presenti alcune sedie e tavolate dove potersi accomodare. La scorsa settimana eravamo stati alla Mangialonga di Albugnano ma non erano state previste cose di questo tipo e non è particolarmente comodo tenere piatti e bicchieri di plastica in mano e mangiare, cercando di non rovesciarsi tutto addosso.
Alla partenza vengono offerti a ciascun partecipante un trancio di focaccia salata farcita con la pancetta, succhi di frutta, caffè e cappuccino: un buon modo per iniziare il percorso!!!

Il pass e il bicchiere che ci hanno dato alla partenza.

Percorrendo Via Umberto I e passando attraverso l'antica Porta Maggiore (dove sono ancora visibili i segni del ponte di accesso chiamato Ponte Sottano) giungiamo, dopo una breve camminata attraverso la Località Vallassa, presso il Santuario della Bruceta il cui nome deriva dal fatto che, in seguito a un incendio causato dalle incursioni saracene in una cappella che sorgeva in questo luogo, venne ritrovato un dipinto della Madonna ancora intatto. Giudicando questo evento miracoloso, gli abitanti di Cremolino decisero così di erigere un Santuario in quel posto e lo chiamarono appunto Bruceta. Qui ci vengono offerti pane, fave e salame.
Un tratto del percorso prima di arrivare a Cascina Nuova.

Il percorso poi riprende e passando in Località Fabbrica, Ghio e attraverso Cascina Torriazzo e alcuni vigneti e campi sfalciati si arriva presso la Cascina Nuova dove ci viene offerto un panino ripieno di acciughe e bagnetto verde (gustoso!). Da qui si segue per un po' la strada asfaltata che conduce a Cassinelle e poi si svolta a destra in una strada secondaria che sale verso la Località Turri (alla Cascina I Turri assaggiamo un ottimo Dolcetto di Ovada D.O.C. "Corvinus" di un bel colore rosso rubino).
Panorama lungo il percorso, dopo aver lasciato Cascina Nuova.

Passando lungo alcuni vigneti si raggiunge la Località Francia dove stanno cuocendo le tagliatelle. Per puro caso siamo capitati in un momento in cui non c'è molta gente e ci accomodiamo in uno dei tavolini che erano stati preparati sotto a delle piante. Le tagliatelle al ragù sono proprio buone e la porzione è abbondante, per accompagnare il piatto ci viene portata una bottiglia di Dolcetto di produzione locale (anche questo mi è piaciuto) ma, avendo ancora un po' di strada da fare, è meglio non esagerare con il vino!
Vigneti presso la Tenuta "I Pola"

Camminando lungo i vigneti e alcuni sentieri si passa prima attraverso l'Antica Tenuta I Pola e poi in Località Tulle, la strada poi scende attraverso il bosco fino a incontrare un ruscello a fondo valle e poi risale sul versante opposto fino a arrivare al lago artificiale del Breie. Poco dopo la strada incontra la SS456, si attraversa la statale e poco dopo c'è la penultima tappa. In Località Ghisa degustiamo un bel piatto di salsiccia cotta alla brace e contorno di patatine fritte. Decisamente sazi intraprendiamo l'ultima salita su asfalto che ci conduce dopo pochi chilometri a Cremolino, ritorniamo in Piazza del Municipio dove al nostro arrivo ci vengono offerti i dolci: un trancio di torta di nocciole e uno di bunet (tipico budino piemontese al cioccolato con gli amaretti sbriciolati). Da bravi golosastri divoriamo anche quelli!
E' stata una giornata molto piacevole, il percorso è bello e permette di conoscere la campagna nei dintorni di Cremolino, gli organizzatori inoltre hanno svolto un bel lavoro e sono state persone molto cortesi. Un grazie particolare a tutti quelli che Domenica si sono dati da fare per questa manifestazione e hanno cucinato e ci hanno servito.
Per info: 0143-821026 (Pro Loco Cremolino).

La prossima edizione si svolgerà DOMENICA 31/05/2009 !
.